“Fikus. Un nome giusto al posto giusto”, fresco di stampa il primo romanzo di Bruno Macerollo

Fikus. Un nome giusto al posto giusto
Fikus. Un nome giusto al posto giusto

Due paesini, Fikus e Skifus in perenne contrasto tra loro, un vecchio enorme maniero abitato da un’enigmatica anziana vedova e una girandola di personaggi e situazioni.

Sono questi gli ingredienti del primo romanzo di Bruno Macerollo, professore in pensione e poeta per diletto. “Fikus. Un nome giusto al posto giusto”, edito da Vertigo Edizioni da poche settimane in libreria è un romanzo ricco di personaggi singolari, in un “mondo che ha regole diverse, spiazzanti, talvolta stridenti ma sempre affascinanti”, scritto con una prosa originale e ricca di vocaboli desueti e colti, che tiene incollato il lettore alle pagine.

“Fikus. Un nome giusto al posto giusto” è disponibile al costo di 14 Euro presso le librerie Messaggerie Libri oppure online sul sito web dell’editore.

Se avete in mano questo libro, sappiate che siete di fronte a una scelta. Potete aggrapparvi alla narrativa convenzionale, dove i romanzi hanno un inizio, dei personaggi, uno svolgimento e una fine… e in questo caso dovreste rimetterlo subito a posto, facendo finta di niente… oppure potete scegliere di lasciarvi alle spalle la struttura preconfezionata e immergervi in un mondo che ha regole diverse, spiazzanti, talvolta stridenti, ma sempre maledettamente affascinanti. Avvicinatevi a Casalmarniero, conoscete il Nipote e l’Amico, scendete (rapidamente!) dal treno alla stazione di Fikus e scoprirete che tutto ciò che vi aspetta è lì per stupirvi e lasciarvi… interdetti. Con uno strano sorriso, sempre. Difficile spiegarvi cosa sia quel sorriso, dovrete scoprirlo da soli, trovando la vostra strada in un intricato e complesso intreccio di storie, simboli, aforismi, pennellate poetiche e improbabilità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*