IN CUCINA COL CUORE

Ceccano – Alberghiero – “Altri colori” per un progetto dal sapore stupendo che si sta svolgendo presso l’Istituto Alberghiero di Ceccano diretto dalla preside Alessandra Nardoni e dal vice preside Domenico Crocca. Il programma “ Insieme in cucina” traccia infatti nuove rotte e prospetta altre Possibilità per tutti e, quando diciamo tutti, intendiamo nessuno escluso, anche chi è affetto da disabilità. Azioni di questo tipo servono proprio per combattere l’esclusione sociale e l’abbandono ma anche per arricchire le esperienze di ognuno. In parole povere, si tratta di un’azione appunto di inclusione davvero molto importante dove il laboratorio, quindi le cucine e le sale dell’Ipsseoa fabraterno, apriranno le porte al centro diurno “Insieme” per promuoverlo in un nuovo contesto sociale, per sviluppare l’autonomia e la consapevolezza della persona. Due incontri fatti col cuore per lanciare un’azione tangibile nella vita delle persone diversamente abili e dare sostanza e corpo alla vera inclusione che ha luogo stimolando la parte operativa e creativa dell’essere umano. Cosa meglio di un laboratorio di cucina? Odori, sapori, colori, stimoli ed attenzioni particolari ai tempi di cottura…la magia degli ingredienti che mescolati fanno un piatto. Di grande rilevanza gli obiettivi che promuove questo progetto: la socializzazione, il dialogo senza frontiere, il potenziamento delle autonomie di movimento e mentali. Ovviamente tra gli scopi del programma c’è anche il grande potenziale lavorativo che gli incontri programmati, due di circa un’ora, hanno per sviluppare autonomia. Tutto il personale, i cuochi, si sono impegnati perché l’iniziativa diventi un momento didattico di spessore e soprattutto lasci nel cuore di queste persone un ricordo unico. Ricordiamo ai lettori che “Altri colori” è una cooperativa sociale onlus che ha sede a Frosinone ed è molto nota per questo tipo di iniziative di grande spessore sociale ed umano perché non esistono confini e non esistono barriere se non quelle che creiamo restando imprigionati nella rete di preconcetti limitanti. Anche per gli studenti sarà molto importante sapere che nella loro scuola, nei loro laboratori, si insegna amore e solidarietà, questo è un modo di iniziare bene il periodo di avvento a Natale. Marco Bravo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*