Un consiglio sereno con alcuni spunti interessanti

Serena seduta di consiglio, quella tenutasi lo scorso 28 giugno nella sala di Palazzo Benedetti Panici, cominciata osservando un minuto di silenzio in memoria del sindaco di Rocca di Papa Emanuele Crestini e del delegato comunale Vincenzo Eleuteri, vittime di un’esplosione in municipio. Solo dopo la comunicazione del sindaco Antonio Como dell’avvenuto prelievo dal fondo di riserva di circa 14.000 euro per questioni di aggiustamenti di bilancio, la lettura ed approvazione dei verbali delle sedute precedenti, si è entrati nel vivo della discussione con il voto su due Piani di Utilizzazione Agronomica presentati da altrettante aziende locali, beneficiarie di fondi europei attraverso il Psr 2014/2020. Se giovani imprenditori agricoli crescono, vista l’età dei due titolari, ciò che è emerso nel consiglio è l’idea di una sorta di Pua comunale, di piano regolatore generale dell’agricoltura per indirizzare e controllare lo sviluppo del comparto bufalino in primis e l’allevamento in generale, sul territorio. Dopo l’approvazione dei due piani di utilizzazione agricola, relativi alla nascita di una nuova piccola azienda ed allo spostamento dei capi di un’altra dal centro in periferia, il consigliere di minoranza Ernesto Gerardi è tornato a chiedere, come già fatto prima delle elezioni, se il comune avesse intenzione di programmare la crescita di quello che, indiscutibilmente, è il settore trainante dell’economia locale, quindi da promuovere e sostenere certamente, ma non per questo senza uno sguardo al futuro, indirizzandolo nel miglior modo, nell’interesse degli operatori ma anche dei cittadini. Il voto di astensione suo, e del collega Mario Colagiovanni, ha voluto significare proprio questo: premiare sì le eccellenze, l’imprenditorialità, specie giovanile, ma in un quadro generale, d’insieme, veicolato dall’amministrazione comunale, quadro però non ancora esistente. Sebbene, il sindaco Como, poi, abbia riferito al consigliere Gerardi ed al consiglio, che molti incontri e contatti, con esperti ed Università, si stiano da tempo succedendo sulla tematica. Positivo, invece, il voto del consigliere De Lellis che, dicendosi in passato promotore dello sviluppo dell’allevamento bufalino, ha preferito semplicemente continuare a mostrare il suo consenso sulla crescita del comparto. Ad onor di cronaca, va detto che i Pua approdano per la ratifica in consiglio solo dopo aver seguito un complesso iter ed una approvazione da parte di una specifica commissione tecnica, a garanzia della bontà e della correttezza delle azioni intraprese. Come ha avuto modo di spiegare l’assessore, nonché vicesindaco, Maurizio Fadioni. Approvato, poi, il contratto di comodato d’uso con cui secondo il programma Open Fiber, per il 2020, verranno create le infrastrutture per servire l’intero territorio con collegamenti internet superveloci, gratuiti per le sedi comunali. Qualche cambiamento, invece, per la segreteria comunale. Il consiglio ha sciolto la convenzione con Villa Santo Stefano ed approvata una nuova con il comune di San Felice Circeo per il servizio associato di segreteria comunale. Se prima Amaseno, però, disponeva del 60% del tempo lavorativo del segretario, la nuova convenzione prevede il 40%, con risparmio di costo. Il ruolo di segretario generale del comune di Amaseno continuerà ad essere rivestito, comunque, dalla dottoressa Francesca Parisi.   ffffffffff

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*