Amaseno onora gli 842 anni dalla consacrazione della Collegiata gotico-cistercense di Santa Maria

Domenica 8 settembre si celebra l’anniversario della straordinaria collegiata di Santa Maria ad Amaseno, icona e simbolo dell’identità dell’intera comunità. Sono trascorsi ben 842 anni dalla sua consacrazione come attestato dai documenti ufficiali ancora conservati in duplice copia nella forma di pergamene: una in latino e l’altra in volgare (tra le prime testimonianze dell’uso della nuova lingua in Italia). Non stiamo parlando di una comune Chiesa, ma di un vero e proprio monumento nazionale che rappresenta uno degli esempi più integri dell’architettura gotico-cistercense in Italia. Ci piace dire che rappresenta il “modellino” della vicina e maestosa Abbazia di Fossanova, consacrata nel 1208, realizzata dalle stesse maestranze che facevano capo ai monaci cistercensi. La collegiata di santa Maria è un patrimonio della cristianità che conserva al suo interno la reliquia del sangue prodigioso di San Lorenzo, capace di liquefarsi ogni 10 agosto in occasione della sua festa. Uno dei rari esempi di liquefazione di sangue in Italia e nel mondo cristiano, non meno suggestivo di quello più noto di san Gennaro a Napoli. Un miracolo, un prodigio, che avviene almeno da quattrocento anni con puntualità, a voler riferirsi a documenti ufficiali, anche se quella reliquia è nella Chiesa di Santa Maria fin dal 1177, perché elencata già nell’atto di consacrazione. Tanto ricca di opere d’arte che, con alcune di esse, è stato possibile realizzare ad Amaseno un museo civico-diocesano, il “Castrum Sancti Laurentii”, e che ancora riserva tanto incanto ai visitatori oltre che ai fedeli. Ebbene, domenica 8 settembre, sarà dedicata proprio alle celebrazioni in ricordo della data della consacrazione di Santa Maria, una data non scelta a caso, visto che è il giorno in cui si festeggia la natività della Madonna, Madre di Cristo e di noi uomini, cui la chiesa è intitolata e dedicata.  Alle 10.30, il parroco Don Italo Cardarilli terrà la solenne celebrazione eucaristica per ricordare questo anniversario. In serata, invece, a partire dalle 19,30, sempre all’interno della Collegiata, si terrà il concerto d’organo del maestro Luca Grosso. Verranno eseguite musiche di Bach, Brahms, Vierne e Zwart.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*