Agricoltura ed allevamento al centro dell’attenzione tra polemiche e risposte: il settore è stabile

Allevarori e filiera bufalina, tante novità … per cominciare un nuovo profilo Facebook è nato dalle campagne del paese per difendere il settore, specie dagli attacchi che si ripetono sulle tematiche ambientali, e garantire ai cittadini un contatto con il mondo rurale. Nel contempo sul quotidiano il Messaggero di Frosinone è uscito dalla penna di Aldo Simoni un articolo target arch.Gaspare Vinciguerra che tutti conoscono e che denuncia un possibile disastro ambientale nella valle, sui cui ora si indaga. Così gli allevatori, oltre a gestire pagine commerciali sulle loro aziende ed i loro caseifici, realizzare suggestivi siti e pagine promozionali, si difendono e rispondono in coro su Facebook per evidenziare la loro posizione in maniera determinata e precisa: “

Dopo mesi e mesi di attacchi a senso unico, dopo mesi e mesi di accuse dietro i social, dopo mesi e mesi di doppie facce da parte di tanti personaggi, abbiamo deciso di creare una pagina x esprimere il nostro pensiero e fare soprattutto delle domande. Siamo un gruppo di allevatori, stanchi , stufi di essere tutti i giorni attaccati, ma anche tranquilli e fiduciosi della giustizia. Si parla di disastro ambientale ad Amaseno , si parla di morti di tumori eccessive, si parla di bufale che distruggono il territorio. Bene, allora, visto che circa un mese fa sono state fatte analisi delle acque alla presenza del consigliere di minoranza Vittorio de Lellis e di quello di maggioranza Rinna Domenico chiediamo di rendere i dati pubblici a tutta la collettività di Amaseno. Sono le stalle che creano problemi o il depuratore comunale? Aspettiamo i dati. Chiediamo, inoltre, che il comune che ha fatto richiesta e da quanto sappiamo ha ricevuto dalla Asl i dati sui tumori ad Amaseno, ne metta a conoscenza la collettività. Vogliamo che questi dati siamo resi pubblici e poi li commentiamo tutti insieme. Invitiamo inoltre tutti i componenti del consiglio comunale di minoranza che hanno fatto richiesta di tutti i Pua riferiti a tutte le costruzioni di aziende agricole dal 2003 ad oggi, di sapere a quale conclusione siano arrivati. Condividete tutti gli attacchi a cui gli allevatori sono sottoposti? Pensate che sia tutto abusivo? I nostri progetti sono stati oggetto di analisi a vari livelli (comunale/regionale /europeo) ed il Comune non ha fatto altro che fare quello che tutti gli altri paesi fanno applicando le leggi (e si leggano tutte le leggi e non solo alcune ). Aspettiamo delle risposte. Detto questo invito tutti gli allevatori a fare una riflessione: ma se tutti i gg ci dicono che inquiniamo, tutti i gg ci dicono che siamo la causa di tutti i problemi, tutti i gg non aspettano altro che si scateni qualche polemica x attaccarci, allora vi chiedo ma perchè se siamo criminali, se i nostri soldi puzzano, sono rubati, e fatti sulla pelle degli altri , ma perche poi se andiamo nei bar, ristoranti del paese, negozi del paese e facciamo girare l”economia, allora i nostri soldi miracolosamente diventano profumati, ben accetti ? Perchè siamo i primi a cui le varie associazioni vengono a chiedere sponsor? Allora 2 sono le cose: o tutti insieme allevatori e non parliamo tutti insieme x affrontare insieme tutto i problemi che nella vita di un paese possono emergere quotidianamente, oppure cari ragazzi non se ne esce. Questo post non attacca nessuno, al contrario di come fanno noti personaggi locali, vuole solo sensibilizzare tutte le anime del paese a una collaborazione x il bene di tutta la comunità. Noi non
Volgiamo fare politica perchè la politica ha bisogno di persone che ci si dedicano anima e corpo e noi non abbiamo né voglia né tempo, vogliamo solamente essere rispettati!! Ultima cosa: x parlare di disastro ambientale ci vogliono dati che dicono che le acque, il territorio è inquinato. Dati oggettivi e non chiacchiere. Poi se buttare letame nei terreni nelle quantità opportune ‘CERTO’ x alcuni è’ inquinamento allora va bene siamo su un latro pianeta. Ma diventate tutti vegetariani allora. Siamo disposti a collaborare, far visitare le nostre aziende, i nostri terreni. Noi la faccia ce la mettiamo. Vi aspettiamo !!!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*