Allevatori bufalini finanziano il restauro dell’ affresco seicentesco a Santa Maria

L’affresco è salvo, durante la celebrazione delle ore 11,00 del 9 agosto in occasione della festa di San Lorenzo diacono martire, il parroco Don Italo Cardarilli ha lodato l’operato di un gruppo di allevatori che hanno contribuito al restauro di un affresco antico e prezioso, attiguo alla porta che dà sulla navata centrale. n affresco del 1600 che incornicia la nicchia in cui era San Bernardino. È stato restaurato e quindi salvato grazie all’intervento degli allevatori, precisamente Rocco De Giuli ed i cugini Domenico e Salvatore Rinna. Questo gesto merita il plauso dell’amministrazione, dei fedeli e dell’intera cittadinanza. È un esempio di compartecipazione per la salvaguardia dei beni artistici. Veramente un gesto esemplare che denota l’amore per il territorio e la volontà di conservare integri i suoi tesori.

Lara Celletti
Informazioni su Lara Celletti 215 Articoli
La prima giornalista donna delle nostre zone, iscritta all'ordine dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato presso giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Contemporaneamente dopo l'acquisto ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*