Auriga: Giuda sicura per i ragazzi dell’alberghiero

Ceccano – A scuola di sicurezza con il progetto “Auriga” dell’associazione Aremol, due ore di preziosi consigli e moniti per gli studenti di tutte le classi dell’alberghiero diretto dalla professoressa Alessandra Nardoni. Una conferenza tanto utile quanto necessaria, giovedì scorso, nei locali della palestra con l’ausilio di mezzi audio/video e soprattutto con filmati e numeri. I due relatori Paola Gallisaj e Andrea Costa, accolti dal professor Domenico Crocca che ha sottolineato l’utilità e l’efficacia del progetto, hanno parlato ai ragazzi dei rischi e dei pericoli che si incontrano sulla strada, soprattutto a bordo di scooter e moto. Importantissime le più semplici ed efficaci misure di prevenzione per cercare di evitare il peggio: allacciare il casco, controllare il mezzo, rispettare i limiti di velocità, non guidare in condizioni alterate e soprattutto rispettare sempre le regole stradali, con qualsiasi mezzo, su qualsiasi mezzo. Ai ragazzi sono stati proiettati video di statistiche e testimonianze, prevenzione e consapevolezza, i relatori hanno rimarcato e illustrato la forza di un impatto a 30 km orari sulla pelle e sul fisico a bordo di un mezzo a due ruote … il resto è facilmente intuibile. Marco Bravo

Lara Celletti
Informazioni su Lara Celletti 289 Articoli
La prima giornalista donna delle nostre zone, iscritta all'ordine dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato presso giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Contemporaneamente dopo l'acquisto ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*