Il Biamani batte cassa….

AMASENO – Ha sicuramente vissuto tempi migliori, lo stadio comunale di calcio di Amaseno intitolato ad Umberto Biamani. E’ stato un posto magico, da sempre, da quando è nato per dare un terreno casalingo alla mitica Folgore, tra le prime squadre del Frusinate ad iscriversi ad un campionato ufficiale. Fa male, al cuore ed alla vista, vederlo praticamente abbandonato, da anni, da quando non c’è più la Folgore e nemmeno le giovanili. Al cuore, per i nostalgici e gli appassionati di calcio; alla vista, perché non offre uno spettacolo decoroso per chi raggiunge la cittadina, costretto a passarvi accanto essendo nel cuore di Amaseno. Ebbene, proprio in questi giorni, la giunta guidata dal sindaco Antonio Como ha approvato il progetto preliminare per la riqualificazione degli impianti sportivi, così da rispondere al bando regionale “Sport in movimento – investimenti per l’impiantistica sportiva”. Ben 62.000 euro l’importo dei lavori, sulla base del quadro economico presentato direttamente dal responsabile dei LLPP del comune di Amaseno, ing.Francesco Bianchi, insieme al progetto. Soldi che, se dovessero essere accordati dalla Pisana, serviranno per rimettere in piedi lo stadio. A partire dagli spogliatoi, per finire alla messa in sicurezza di tutti gli impianti, con un bel maquillage anche al campo vero e proprio, un tempo invidiato da molti altri paesi perché in erba naturale. La quota di compartecipazione del comune è prevista in 12.000 euro, da prendersi dalle risorse di bilancio. Il recupero del campo sportivo potrà tornare utile non solo ad una eventuale nuova squadra locale, come a diverse scuole calcio, ma rappresentare anche un utile complesso dove organizzare eventi, anche scolastici. Certo che vederlo così non è piacevole, ben vengano perciò gli sforzi per cercare di salvarlo dall’incuria e dall’abbandono.

Marco Bravo

Lara Celletti
Informazioni su Lara Celletti 622 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Attualmente presso l'IIS Ceccano FR tiene un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*