I cittadini segnalano … ancora rifiuti abbandonati a Don Chei

Inciviltà ed incuria: rifiuti abbandonati per strada rischiosi anche per le auto in trasito

I pannelli abbandonati a bordo strada

I cittadini di passaggio a Don Chei, la zona di Amaseno che dovrebbe essere deputata al turismo, ci avvisano che non ci sta mai limite al peggio. Rifiuti speciali e pericolosi continuano ad essere lasciati sul ciglio della strada come se fosse la cosa più normale del mondo. Un fenomeno increscioso che si perpetua negli anni, purtroppo, che pure l’introduzione della raccolta differenziata non ha scongiurato. Nonostante gli appelli del comune a chiamare in sede per smaltire rifiuti di ogni tipo, lo scempio continua. Non è difficile fare un’analisi accurata in un contesto del genere e stabilire che tutto questo è frutto di disinformazione ed inciviltà, che molti non sanno che abbandonare immondizia per strada è reato e che i residenti nella zona, famosa appunto per turismo e ristorazione, hanno intenzione di chiedere la sistemazione di telecamere per la videosorveglianza al fine di prendere con le “mani nel sacco” gli impuniti contravventori. Non è questo lo scenario da mostrare ai turisti o alle persone che si recano per il pranzo o la cena in questa bellissima zona, dove ci sono anche reperti archeologici e, soprattutto, sorgenti stupende. Stamane il rinvenimento di pannelli di materiale isolante abbandonati in bella vista lungo la strada, a pochi metri dal cosiddetto pozzo della Regina, che funge anche da rifornimento per le aziende agricole del circondario, ma anche dalla Fontana degli ammalati, raggiunta da molti cittadini e turisti per prenderne le acque “terapeutiche”. Materiale che, all’aperto, rischia di deperirsi e sbriciolarsi velocemente, finendo col depositarsi nei terreni e nelle acque vicine. Insomma, si tratta di gesti incivili e dannosi per l’ambiente che non si possono giustificare in alcun modo.

Informazioni su Marco Bravo 202 Articoli
Nato a Napoli nel ha frequentato il liceo scientifico Tito Lucrezio Caro. Laureato in economia e commercio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*