Task force in comune per studiare le misure almeno per tenere il mercato di Mercoledì 11 e Domenica 15

Muncipio di Amaseno
Muncipio di Amaseno

Se per domani, 8 marzo, non si può fare nulla per evitare lo svolgimento del tradizionale mercato settimanale, in municipio si lavora per consentire la presenza dei banchi almeno per il mercatino di Mercoledì 11 marzo e quello domenicale del 15. In poche parole, si sta cercando di trovare le condizioni per tornare ad una parvenza di normalità e dare possibilità agli operatori ed ai clienti di andare in strada per vendere e fare spesa, rispettivamente, nel rispetto di quanto previsto dal Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 4 marzo scorso per contenere la diffusione del Corona Virus. Così, nella tarda mattinata di oggi, in comune, si sono riuniti il sindaco Antonio Como, il vicesindaco Maurizio Fadioni, il consigliere con delega al commercio Gianluca Panici, l’assessore al bilancio e tributi Luciano Pisterzi, il comandante della polizia municipale di Amaseno Vincenzo Capoccetta, insieme ai rappresentanti di Rete di Imprese di Amaseno, dell’Associazione ambulanti Oggi, dell’Associazione Commercianti ANVA-CONFESERCENTI, proprio per discutere della sospensione dei mercati fino al prossimo 15 marzo (ordinanza sindacale n.5/2020 del 5 marzo) e trovare delle soluzioni per un eventuale loro svolgimento. Chiaramente, per questioni meramente tecniche non si potrà tenere quello di domani, 8 marzo, ma già da lunedì amministratori e associazioni di categoria torneranno ad incontrarsi per tracciare questa volta le misure idonee ad un regolare svolgimento dei mercati, con la possibilità di revoca dell’ordinanza sindacale. Misure che dovrebbero essere comunicate nella giornata di martedì. In pratica, si dovrà fare in modo che sia gli operatori che la gente possano stare ad un’adeguata distanza di sicurezza, di almeno 1 metro (nel rispetto cioè delle prescrizioni del DPCM del 4 marzo 2020), per i banchi si potrebbe risolvere il problema impedendo ai soli “spuntisti” di mettere le bancarelle, assicurando quindi spazio sufficiente tra i banchi ordinari. Per quanto riguarda le persone, invece, si potrebbero evitare i percorsi più stretti, quindi le vie dove non sarebbe possibile tenere un adeguato deflusso a distanza. Chiaramente, ogni misura che sarà adottata, verrà presa in conformità alle disposizioni e raccomandazioni vigenti, sentita la Prefettura e tenuti i dovuti confronti con altri amministratori ed operatori che affrontano le stesse problematiche. Il mercato settimanale, soprattutto ad Amaseno, è un vero volano dell’economia locale, oltre che occasione di spesa per tantissimi residenti, soprattutto quelli che abitano nelle zone periferiche. Un attrattore turistico e fonte di reddito per gli operatori. La notizia della sua sospensione aveva perciò sollevato non poche perplessità e sconforto tra la gente e i venditori. Chiaramente ogni scelta da parte del sindaco e delle autorità viene fatta, in epoca di Corona Virus, per il bene della collettività, non è facile prenderle perché si ragiona ora per ora quasi, in piena emergenza. Non si vuole per questo fermare tutto, bisogna certo pensare anche a tutelare l’economia, sebbene la salute dei cittadini abbia sempre la priorità. Le stesse prescrizioni che si cerca di rispettare nello svolgimento del mercato, andrebbero applicate chiaramente in ogni esercizio aperto al pubblico, evitando assembramenti. Non è facile, ma bisogna farlo per cercare di prevenire e contenere la diffusione del virus, questo ad Amaseno come in tutta Italia.   

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*