Davide De Prosperis è stato riconfermato nel direttivo dell’ANASB

” Si tratta di un risultato importante che sottolinea l’importanza crescente del comparto bufalino della valle dell’Amaseno, già zona di produzione della mozzarella campana dop e sempre più indirizzata verso la nascita di un vero e proprio distretto agro-zootecnico di qualità. Con circa 200 aziende e 14.000 bufale, il territorio di Amaseno inizia ad esprimere il suo valore anche in termini di imprenditorialità, con tantissimi giovani che, ereditando le aziende di famiglie, -dice Davide De Prosperis – hanno cominciato a guardare oltre il mero allevamento tradizionale. Stanno così nascendo stalle all’avanguardia, automatizzate e accorte al benessere animale, per uno sviluppo diffuso divenuto trainante per l’economia del territorio” presso Hotel Royal di Caserta, si è tenuta la III^ Assemblea Generale degli Allevatori Bufalini in cui Davide De Prosperis, giovane imprenditore di Amaseno, è stato riconfermato nel consiglio direttivo dell’ANASB, l’Associazione nazionale allevatori specie bufalina. Nel complimentarsi con lui per la conferma dell’incarico, il Direttore Carlo Picchi ed il Presidente Vinicio Savone di Coldiretti Frosinone augurano buon lavoro per il prossimo triennio.

Lara Celletti
Informazioni su Lara Celletti 331 Articoli
La prima giornalista donna delle nostre zone, iscritta all'ordine dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato presso giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Contemporaneamente dopo l'acquisto ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*