Furti sotto l’albero

A rompere la serenità di queste festività natalizie nel piccolo centro lepino sono state solo le scorribande dei topi d’appartamento. Si tratta di una serie di furti o tentati furti che sono stati registrati e raccontati da alcuni residenti nell’immediata vigilia del Natale. Diverse le abitazioni visitate dai soliti ignoti, probabilmente una vera e propri banda composta da più elementi, situate soprattutto nelle zone periferiche del paese. Ad essere prese di mira sono state alcune case della contrada montana del “Macchione”, ad alcuni chilometri dal centro storico del paese. I ladri hanno agito durante il pomeriggio, non curandosi della possibile presenza dei proprietari. Hanno fatto “visita” a ben cinque abitazioni, racimolando tutto quello che era possibile monetizzare, come oro, orologi, oggetti preziosi, ma anche portando via tutto il contante ritrovato. Irruzioni istantanee fatte aprendosi un varco, nella maggior parte dei casi, da finestre poste sul retro delle abitazioni. Quella del Macchione è una piccola comunità dove tutti si conoscono e sono accomunati da legami familiari, per cui le feste sono viste come occasione per incontrarsi e stare insieme. Di questo hanno approfitto i ladri che hanno agito mentre i malcapitati proprietari erano riuniti altrove, talvolta anche a poche decine di metri da casa, con il resto della famiglia o con degli amici. E’ stato al ritorno dal pranzo, infatti, intorno alle cinque, che quasi tutti hanno avuto la brutta sorpresa della visita dei topi d’appartamento che da tempo non battevano la zona di Villa Santo Stefano e, più in generale, della Valle dell’Amaseno. Dopo la contrada del Macchione, probabilmente la stessa banda, si è spostata in un’altra zona periferica, quella dei Porcini, anche se qui i ladri hanno trovato ben poco da rubare. Tanti comunque i danni ma soprattutto la preoccupazione che pian piano si sta allargando tra i residenti, ed in paese non si parla d’altro. Anche nella vicina Amaseno, ma dopo qualche giorno, altri furti sono stati segnalati nella zona degli Spinetti. Massima perciò l’allerta, anche da parte delle forze dell’ordine che indagano sull’accaduto.

Lara Celletti
Informazioni su Lara Celletti 359 Articoli
La prima giornalista donna delle nostre zone, iscritta all'ordine dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato presso giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Contemporaneamente dopo l'acquisto ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*