Prima riunione per Comitato di ordine sicurezza ed emergenza

Castro dei Volsci – Si è riunito per la prima volta venerdì nell’aula consiliare del municipio castrese, il neo Comitato di Ordine, Sicurezza ed Emergenza. Un organismo nato da una proposta dell’assessore alla sicurezza Roberto Peronti che è stata poi accolta ed approvata dal consiglio comunale. Nella prima seduta erano presenti l’assessore Peronti, il sindaco Leonardo Ambrosi, i medici di base, i rappresentanti delle forze dell’ordine, la polizia locale e la protezione civile. Come stabilito dall’ordine del giorno, il Comitato ha discusso della situazione epidemiologica a Castro dei Volsci. Non poteva che essere così, visto che i casi di positività nella cittadina hanno superato le 50 unità, facendo salire l’attenzione da parte delle autorità, preoccupate di contenere la diffusione del contagio da Covid-19. Il gruppo di esperti e responsabili ha fatto innanzitutto il punto della situazione, studiando in maniera sistemica le possibili azioni da mettere in atto per tutelare la sicurezza sociale e sanitaria del paese. Nel corso della riunione sono emerse varie criticità e preoccupazioni, su tutte l’alto numero di positivi, ma anche la mancata collaborazione sul tracciamento dei contagi e, in alcuni casi, il mancato rispetto delle regole di quarantena per coloro che sono stati in contatto con un positivo, anche conviventi. Da parte loro, le forze dell’ordine hanno assicurato una maggiore intensificazione dei controlli, in conseguenza pure dell’ordinanza sindacale dello scorso 15 dicembre che impone l’uso di mascherine all’aperto. Dai lavori è scaturito un primo avviso alla cittadinanza che richiama al rispetto di alcune regole: controllare la temperatura corporea prima di uscire di casa; mantenere il distanziamento sociale; usare la mascherina; igienizzare di frequente le mani; evitare assembramenti; collaborare con le forze dell’ordine seguendo le prescrizioni di legge

Lara Celletti
Informazioni su Lara Celletti 353 Articoli
La prima giornalista donna delle nostre zone, iscritta all'ordine dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato presso giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Contemporaneamente dopo l'acquisto ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*