Anche il Comune di Giuliano di Roma mostra il proprio interesse per dar vita al distretto biologico di qualità “Colline di Amaseno”

Villa Santo Stefano – Anche il Comune di Giuliano di Roma mostra il proprio interesse per dar vita al distretto biologico di qualità “Colline di Amaseno”. La giunta guidata dal sindaco Adriano Lampazzi, infatti, ha sottoscritto la manifestazione d’intenti che dovrà portare alla stesura di un Protocollo d’intesa tra Enti locali, associazioni ed altri organismi territoriali tutti interessati ad uno sviluppo economico derivante da attività primarie sostenibili. Si è sempre parlato dell’opportunità di far nascere nella valle dell’Amaseno un distretto agro-zootecnico di qualità, per tanti motivi, innanzitutto per collegare in maniera sistemica le tante aziende che vi operano. Un processo, purtroppo, rallentato dalla storica diffidenza degli agricoltori e degli allevatori del posto. Adesso, però, le cose stanno cambiando. Alla guida di queste aziende ci sono spesso giovani imprenditori, più aperti verso nuove forme di gestione e soprattutto aperti all’innovazione ed alla sostenibilità. L’intenzione è quella di sfruttare la vocazione del territorio, essenzialmente agricola, ed il suo stato di conservazione da fonti di inquinamento industriale, facendo in modo che possa essere mantenuto integro attraverso l’impiego di tecniche produttive biologiche. Non solo il mercato, ma anche le disposizioni dell’Unione Europea, infatti, negli ultimi anni sono sempre più protese verso il biologico che, contribuendo alla sostenibilità dell’ecosistema territoriale, consente anche il suo sfruttamento da un mero punto di vista turistico. Tra le finalità del predisponendo distretto “Colline dell’Amaseno”, c’è proprio la diffusione ed il raccordo della cultura del Bio tra i consumatori e gli operatori turistici. Bisognerà che i comuni come le altre organizzazioni che partecipano al progetto, riescano ora a dargli concretezza, sensibilizzando ed informando adeguatamente le aziende agricole del territorio, gli operatori turistici ed i cittadini in generale.

Informazioni su Lara Celletti 1217 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*