Rinnovato anche per l’annualità 2022 il progetto “Una Mano Tesa”

Villa Santo Stefano – Rinnovato anche per l’annualità 2022 il progetto “Una Mano Tesa”. Si tratta di un’iniziativa a favore dei soggetti in situazioni di disagio economico, studiata sia per fornire una forma di sostegno al reddito sia per favorire l’inserimento sociale e lavorativo. Sono diversi anni che il Comune di Villa Santo Stefano implementa questo progetto tra le attività di carattere sociale possibili, in virtù dei buoni risultati raggiunti. Particolare attenzione, infatti, viene posta ai casi straordinari di reinserimento sociale di persone che vivono, per cause economiche, situazioni di emarginazione sociale e disagio anche in seguito al persistere dell’emergenza sanitaria legata alla pandemia da Covid-19. Così, anche per quest’anno, la giunta guidata dal sindaco Giovanni Iorio ha deciso di rinnovare le opportunità dell’azione sociale di inserimento per i cittadini più bisognosi visto appunto il perdurare sul territorio di situazioni emergenziali di bisogno che impongono interventi di natura socio-assistenziale, come la possibilità di emersione di nuove. Ci sarà tempo fino a lunedì 28 febbraio per presentare le domande in modo da consentire la formazione di una graduatoria dei richiedenti e la stipula di una polizza assicurativa. Il progetto “Una mano tesa” è fondato su tematiche sociali ed è finalizzato al sostegno al reddito, per persone con forte svantaggio psico-sociale ed economico e a rischio di esclusione sociale. La proposta progettuale offre opportunità socializzanti attraverso la promozione di iniziative ed attività ritenute “risorse” del paese: manutenzione verde pubblico, attività di supporto e manutenzione con operai comunali. La durata va da un minimo di un mese ad un massimo di quattro, per 15 ore settimanali ed un sussidio economico mensile di 300 euro, non cumulabile con il reddito di cittadinanza. Marco Bravo

Informazioni su Lara Celletti 1222 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*