Unanimità sulla ratifica della convenzione intercomunale per dare il via al progetto di riqualificazione del territorio urbano.

Amaseno – Dopo appena una settimana lunedì scorso è tornato a riunirsi il consiglio comunale di Amaseno. La convocazione si è resa necessaria per approvare la convenzione con i comuni di Supino, Morolo, Villa Santo Stefano e Giuliano di Roma, propedeutica alla richiesta di finanziamenti statali legati al PNRR per i rispettivi progetti di rigenerazione urbana. Ma anche per approvare la modifica dell’art.47 del regolamento comunale di polizia mortuaria, ritenuta opportuna per dare un criterio alla disponibilità di posti all’interno del civico cimitero per chi non fosse residente. Punto questo approvato con l’astensione dei consiglieri d’opposizione Vittorio De Lellis e Mario Colagiovanni. Unanimità invece sulla ratifica della convenzione intercomunale per dare il via al progetto di riqualificazione del territorio urbano. In particolare, nelle intenzioni dell’amministrazione del sindaco Antonio Como, c’è il rifacimento della pavimentazione del centro storico, secondo la sua forma originaria, con sanpietrini bianchi e dorso in mattoncini di cotto. Un milione d’euro è la somma che il comune di Amaseno intende chiedere per l’opera che entusiasma molto i cittadini nostalgici dell’antica struttura medievale dei vicoli del borgo. Proprio per migliorare la bellezza del centro storico, provvedere ad una sua attenta riqualificazione, ora che esiste un piano colore e di intervento con regole certe , il progetto è stato accolto di buon grado anche dalla minoranza guidata dal consigliere Ernesto Gerardi che si è pronunciata positivamente sul punto. Era da tempo che lo stesso primo cittadino aspettava di poter rispondere ad un bando che desse la possibilità di mettere mano al centro storico, in particolare alla sua pavimentazione, orami un vero disastro per i continui interventi che la hanno resa a macchie e non bella da vedere. Per una migliore fruibilità di residenti e turisti.

Informazioni su Lara Celletti 1219 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*