Tutela salvaguardia dell’ambiente i carabinieri di Amaseno stanno effettuando controlli a tappeto

Amaseno – La tutela ambientale passa anche attraverso la lotta all’abusivismo, specie se questo viene riscontrato in zone di montagna. E’ proprio di questi giorni un’operazione eseguita dai carabinieri della stazione di Amaseno che ha portato al fermo di alcune opere murarie in una delle zone collinari del paese che dominano la valle dell’Amaseno. Dai rilievi eseguiti dagli uomini dell’Arma è poi scaturita un’ordinanza da parte dell’Ufficio tecnico comunale con cui si obbliga il proprietario dello stabile a demolire i lavori eseguiti senza le dovute comunicazioni ed autorizzazioni urbanistiche. Al contempo dovrà anche provvedere al ripristino dello stato precedente dei luoghi. Ad essere contestate sono state alcune opere aggiuntive ad una abitazione già esistente che non potevano essere realizzate in virtù anche di una serie di vincoli paesaggistici, esistenti proprio per preservare il verde della valle dalla cementificazione selvaggia. Sembrano finiti i tempi in cui si costruiva e poi si condonava, ormai il territorio è costantemente e capillarmente controllato, sia dalle normale operazioni di monitoraggio via terra, ma anche dall’alto con l’ausilio di filmati aerei. Un lavoro comunque non facile vista l’ampia estensione del territorio comunale, di oltre 77 km quadrati, quasi tutto antropizzato, per la presenza di abitazioni e stalle. Un territorio da tutelare perché ancora incontaminato, per l’assenza di industrie e la spiccata vocazione rurale. Proprio per continuare a preservare il verde della valle, gli stessi carabinieri di Amaseno stanno compiendo un’encomiabile opera di sensibilizzazione contro le pratiche incivili e chiaramente illegali, dell’abbandono di rifiuti nelle campagne e nelle zone boschive, in particolare delle plastiche. Queste, col tempo, degradandosi, potrebbero finire nella catena alimentare dell’uomo stesso, oltre che inquinare le falde acquifere.

Informazioni su Lara Celletti 1219 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*