NOTTATA MOVIMENTATA

Amaseno – Villa Santo Stefano- Fortunatamente non ci sono state conseguenze gravi per i conducenti di due automobili finite fuori strada nella notte del venerdì santo. Il primo incidente si è verificato su una strada della periferia di Villa Santo Stefano, in località Adrenta, lungo la via che porta al Santuario della Madonna dello Spirito Santo. L’auto, un’opel corsa condotta da un ventenne del posto che stava rientrando a casa, si è incrociata con un altro veicolo che avrebbe abbagliato il giovane facendogli perdere il controllo del mezzo. Divelta la recinzione del terreno confinante la carreggiata, la corsa dell’auto è stata arrestata miracolosamente da una quercia a confine di un fossato. Per fortuna il ragazzo è rimasto illeso ma lo spavento è stato tanto. A portargli soccorso e recuperarlo dall’auto sono stati i genitori allertati intorno alle 23.30 dalla localizzazione dell’auto che ha segnalato l’incidente. Stiamo parlando di strade strette, costellate di curve ed avvolte nella vegetazione, con scarsa segnaletica e illuminazione. Ancora più rischioso l’incidente che ha coinvolto il conducente di una golf, che ha rischiato di finire in uno dei corsi d’acqua del fiume Amaseno, nella zona del Pisciarello. I passanti hanno subito dato l’allarme appena visti i pesanti danni alla ringhiera del ponte, molti sono stati i tam tam sui social per segnalare la pericolosità del tratto, molto usato come scorciatoia. In pratica le ringhiere piegate sono diventate un rischio per i passanti soprattutto contro sole. Ripetiamo che queste strade, prive di illuminazione e molto strette andrebbero percorse a passo d’uomo. Nel caso di Amaseno si tratta di una strada sul fiume che slarga su un ponticello, in piena zona rurale. Grazie a Dio il conducente non corre pericolo e dopo gli accertamenti sanitari di rito se l’è cavata con un grande spavento. Intanto che la ringhiera non sarà riparata si raccomanda la massima prudenza sia in macchina che su due ruote, chi di dovere sta provvedendo a sgomberare la strada dai vetri.

Informazioni su Lara Celletti 1217 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*