PELLEGRINAGGIO IN BICI A PADRE PIO … LA FEDE SI ESPRIME ANCHE CON LO SPORT

Amaseno – Sono partiti stamattina alla volta di San Giovanni Rotondo in sella alle loro bici e, dopo una breve tappa a Termoli, domani saranno già al cospetto di San Pio. Stiamo parlando di un pellegrinaggio del tutto speciale compito da un gruppo di appassionati ciclisti ma anche assai devoti al Santo di Pietralcina. Hanno creato un gruppo allo scopo, dandosi un nome che non lascia dubbi sulla mission del sodalizio: Amaseno bike San Pio. Ebbene, da sei anni questi appassionati, tutti amici, compiono nel mese di luglio il loro speciale pellegrinaggio alla volta di San Giovanni Rotondo per pregare San Pio. Tutto nasce dopo un gravissimo incidente occorso ad uno di loro, Carlo Lauretti, travolto da un’auto proprio quando era in bicicletta. Le sue condizioni erano disperate ma dopo qualche mese l’imprenditore ce l’ha fatta, si è rimesso in piedi e col tempo è tornato in sella alla sua bicicletta. Così, insieme ad un gruppo di amici, tutti convinti che a salvarlo fosse stato un miracolo, ha deciso di creare l’Amaseno bike San Pio, in segno di riconoscimento per la grazia ricevuta. Da allora hanno deciso di recarsi ogni anno in pellegrinaggio a San Giovanni rotondo nel mese di luglio, non li ha mai fermati nessuno, nemmeno la pandemia. Quest’anno è il sesto pellegrinaggio, circa trecentocinquanta chilometri da percorrere in due giorni, con una sola tappa, incuranti del caldo e della stanchezza, solo la loro bicicletta e tanta devozione. L’arrivo è previsto per domani pomeriggio, in tempo per partecipare a tutte le celebrazioni in onore di San Pio, per poi fare ritorno a casa, questa volta in autobus. Un’iniziativa davvero unica, un modo del tutto particolare per ringraziare San Pio che continueranno ad onorare ogni anno ed al contempo a dedicarsi alla loro passione per la bicicletta. Ritorneranno a casa stanchi ma con il cuore colmo di gioia e l’animo di purezza, dando un esempio di come per pregare ci siano tanti modi e di come l’amicizia, quella vera, sia uno dei valori più graditi anche a Nostro Signore.

Lara Celletti
Informazioni su Lara Celletti 750 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Attualmente presso l'IIS Ceccano FR tiene un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*