LA BANDA DI VILLA SANTO STEFANO HA SUONATO PER IL PAPA

Momenti di grande intensità e di smisurata fede

Una trasferta d’eccezione, un momento di intensa emozione che non solo rimarrà scolpito nella memoria di chi vi ha preso parte ma che rimarrà anche nella storia del piccolo paese lepino. Stiamo parlando dell’incontro che la banda musicale ed una delegazione del paese hanno avuto con papa Francesco nella mattinata di ieri, con tanto di esibizione davanti il Santo Padre. Un appuntamento che aveva tenuto l’intero paese in fibrillazione dalla notizia che la banda Comunale di Villa Santo Stefano sarebbe stata ricevuta in udienza dal pontefice. I componenti della compagine musicale sono stati accompagnati dal maestro Angelo Bartolini, dal parroco Don Luigi Ruggeri e, per l’amministrazione comunale, dal sindaco Giovanni Iorio e dal vicesindaco delegato alle politiche musicali Paolo Petrilli. Alla volta di Roma, ad affiancare i musicisti c’erano anche ben sessanta concittadini che hanno così potuto assistere all’esibizione della loro banda. Certo, perché i musicisti santostefanesi hanno avuto anche l’opportunità di suonare in piazza San Pietro, davanti un pubblico entusiasmato dall’esecuzione dei brani scelti per l’occasione. Durante l’udienza, il parroco Don Luigi ha voluto donare al papa un quadro raffigurante l’immagine sacra della Madonna dello Spirito Santo, cui è dedicato l’omonimo Santuario nelle campagne santostefanesi, a lei si devono diversi miracoli, come documentato da scritti dell’epoca. L’amministrazione comunale ha invece inteso donare un cesto di prodotti tipici locali e una “pignata” simbolo della tradizionale “Panarda”. <<È stata una giornata davvero emozionante – commenta il vicesindaco Petrilli – Abbiamo avuto l’occasione di salutare da vicino il Santo Padre, portando con noi il gonfalone comunale e rappresentando il nostro piccolo comune in un momento così importante. La banda di Villa Santo Stefano e i nostri cittadini hanno vissuto un’emozione unica che resterà nella storia del nostro paese>>. 

Informazioni su Lara Celletti 1191 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*