FINALMENTE PULITA E BONIFICATA FONTANA GRANDE SUL POSTO L’ASSESSORE AL TURISMO MARIO COLAGIOVANNI

Erano più di trenta anni che nessuno puliva

Dopo la pulitura del fosso della Bocca Topa continua l’opera di bonifica imponente messa in atto dal Consorzio di Bonifica a Sud di Anagni d’intesa con l’amministrazione guidata dal sindaco Ernesto Gerardi. Un’azione a dir poco necessaria nel solco della prevenzione è quella messa in atto nella zona di Fontana Grande, che ospita un parco ed una sorgente, con il drenaggio degli invasi e degli scoli. Nello stesso letto dove finisce l’acqua della sorgente è stata eseguita una lunga e complessa operazione di pulizia fatta con tanto di ruspa ed una serie di pompe drenanti che ha visto impegnati anche i tecnici del gestore Acqualatina, per la presenza di un vicino punto di captazione per il pubblico acquedotto. Nella sorgente principale del paese, che alimenta lo stesso fiume Amaseno, tutti gli scoli erano occlusi da strati di foglie e detriti, rametti ma anche immondizia di tutti i tipi. Infatti dall’acqua sono usciti stivali, biciclette, bagnarole, passeggini ed altro materiale ingombrante. Ore ed ore di lavoro con mezzi adatti per cercare di riportare il parco all’antico splendore, l’assessore al turismo Mario Colagiovanni ha presiedeuto le operazioni, erano più di 30 anni che questa zona non veniva pulita. L’anno scorso per via delle piogge torrenziali gli scoli dell’acqua non hanno consentito lo scorrimento e l’intera area è rimasta allagata per giorni, anche il vicino parco giochi per i piccoli. Un intervento determinante per riqualificare un sito che in passato ha sempre attratto molta gente e dove è anche sistemata, nel parcheggio antistante, l’unica area camper del paese. Sono state alzate le grate di scolo e tolti gli accumuli di vario genere, plastiche e altri rifiuti che non si deteriorano nell’ambiente. L’assessore al turismo ha rimarcato l’importanza del sito e della sua cura per la vocazione turistica del paese, sebbene l’opera di bonifica serva innanzitutto alla sicurezza in caso di forti piogge.

Informazioni su Lara Celletti 1163 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*