CULTURA E TUTELA DEL PATRIMONIO ARTISTICO: AMASENO HA ADERITO AL BANDO “MUSEI ARCHIVI BIBLIOTECHE 2024”

Cultura e divulgazione al centro di queste azioni intraprese dal comune di Amaseno

In attesa che venga ufficializzato il nome del neo direttore del Museo civico e dicocesano “Castrum Sancti Laurentii”, proseguono le iniziative volte ad accrescerne le potenzialità e le funzionalità. La giunta guidata dal sindaco Ernesto Gerardi ha, infatti, aderito nei giorni scorsi al bando “Musei Archivi Biblioteche 2024”. Si tratta di un fondo messo a disposizione dall’associazione Wikimedia Italia che ha lo scopo di favorire la diffusione, il miglioramento e l’avanzamento del sapere, della cultura e delle possibilità di accesso alla conoscenza. L’avviso, infatti, prevede l’erogazione di contributi per il bando finanziato da Wikimedia Italia in collaborazione con ICOM Italia e Creative Commons Italia, per il sostegno al libero riuso in rete delle immagini di pubblico dominio e dei contenuti in open access con licenze libere, che costituiscono un’opportunità di diffusione della conoscenza del patrimonio culturale con le tecnologie digitali e in particolare internet, un veicolo efficace di sensibilizzazione dei cittadini alla partecipazione diretta, uno stimolo alla ricerca, alla creatività, alla produzione editoriale e uno strumento efficace di promozione culturale e turistica. Il progetto con il quale il comune ha inteso manifestare il proprio interesse all’iniziativa potrà essere finanziato per un massimo di ottomila euro, senza alcuna compartecipazione da parte dell’Ente. Non finisce qui, perché presto verranno effettuati dei lavori per la sistemazione dell’ultimo piano del Castello che ospita il museo grazie ad un finanziamento di 170.000 euro richiesti ed ottenuti interamente dalla Regione Lazio dalla passata amministrazione Como. Il progetto di intervento per il completamento del recupero e ristrutturazione del Castello Rocca Castri è stato realizzato dall’Arching Studio srl.

Informazioni su Lara Celletti 1219 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*