I CITTADINI SEGNALANO: ALBERI DA SISTEMARE A VIA ALDO MORO

Sono in condizioni a dir poco precarie e causano disagi

Sempre più necessario un intervento di sistemazione degli alberi presenti nella zona verde di via Aldo Moro. Diversi cittadini continuano a lamentare, infatti, la caduta di rami e, soprattutto, il rischio che a cadere possano essere addirittura alcuni degli stessi grossi pini presenti. Grossi alberi capaci, una volta, di rendere gradevole la permanenza nel piccolo giardino grazie all’ombra regalata. Adesso, però, la situazione è cambiata, i pini sono cresciuti senza un’adeguata manutenzione ed un monitoraggio, necessaria attraverso operazioni di potatura ed eventuali tagli di quelli più ammalorati. Tanto più che il sito è anche diventata area fitness e quindi, in qualche modo, più frequentata grazie ad un finanziamento ottenuto dalla passata amministrazione per restituire decoro all’area. Cosa che, in realtà, non è avvenuta, perché l’area verde di via Aldo Moro non è poi così bella ed accogliente, tra l’altro adiacente una delle vie principali del paese, dove si svolge il mercato domenicale, quindi ben visibile ai passanti. Andava riqualificata a dovere per diventare davvero un luogo di relax. Invece, come spesso accade, le attrezzature fitness sono state sistemate ma l’area non è stata per così dire bonificata. Non basta solo tagliare l’erba, urgono interventi di messa in sicurezza degli alberi, alcuni dei quali sono visibilmente piegati mentre tutti presentano una troppo fitta ramificazione con la conseguenza che alcuni rami, specie col maltempo, finiscono con lo spezzarsi e cadere al suolo. Quindi, quello che sicuramente andava ed andrebbe fatto una volta per tutte, è la potatura dei rami ormai secchi, praticando uno sfoltimento delle chiome per non appesantirle e così creare problemi di stabilità. Eliminando anche gli alberi eventualmente compromessi. Interventi del genere, del resto, sono già stati fatti in altre aree, proprio per evitare insidie ai passanti.

Informazioni su Lara Celletti 1162 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*