I PROPRIETARI DEI TERRENI INCOLTI AVRANNO TEMPO FINO AL 31 MAGGIO PER TAGLIARE L’ERBA

ORDINANZA DEL SINDACO DI VILLA

Ci sarà tempo fino al prossimo 31 maggio per non contravvenire ai dispositivi dell’ordinanza emessa dal sindaco Giovanni Iorio lo scorso 23 aprile relativa all’esecuzione di sfalcio, pulitura e taglio erba, manutenzione e pulizia di lotti di terreni incolti. Tante le segnalazioni fatte dagli stessi cittadini sullo stato di abbandono di alcune aree, non solo fuori ma anche all’interno del centro abitato, dove non vengono eseguite adeguate operazioni di tagli dell’erba e potature delle specie arboree. Siepi che invadono le strade o i marciapiedi, rami che ostruiscono la visibilità, alberi secchi protesi verso il suolo pubblico con il pericolo di caduta, piantagioni che finiscono col nascondere segnali stradali in zone pericolose se non addirittura capaci di restringere le carreggiate, sono solo alcuni casi che creano insidie sulle strade pubbliche e di uso pubblico, ai veicoli ma anche ai pedoni, oltre che problematiche di carattere igienico. Per non parlare del rischio incendi che possono facilmente svilupparsi nelle aree incolte od abbandonate, infestate da sterpi ed arbusti capaci di creare autentici inneschi oltre che favorire la propagazione del fuoco ad altri terreni ed infrastrutture di vario genere. Il sindaco della cittadina, in considerazione del fatto che tali circostanze siano lesive per il pubblico decoro ma anche rischiose per la salute pubblica, fornendo oltretutto un habitat ideale per la proliferazione di insetti ed animali, ha ben pensato di emettere un’ordinanza ben articolata che interessa tutti i proprietari o conduttori di fondi confinanti con le strade comunali e vicinali, come i frontisti di aree o spazi pubblici e comunque tutti i proprietari di terreni incolti in genere. Multe dai 173 ai 694 euro per chi non taglia la vegetazione incolta in prossimità delle strade pubbliche e dai 25 ai 500 euro negli altri casi di mancata cura insidiosa dei terreni e delle aree private.  
 

Informazioni su Lara Celletti 1162 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*