MERCOLEDÌ PROSSIMO ALLE 10 CONSIGLIO COMUNALE A PALAZZO BENEDETTI

PRESSO LA SEDE PRESTIGIOSA DI RAPPRESENTANZA L'ASSISE PUBBLICA MERCOLEDÌ

Convocata per mercoledì 15 maggio, alle ore 10, la massima assise civica. A farlo è stato il neo presidente del consiglio comunale Vittorio De Lellis, una nuova carica formalizzata nel corso dell’ultima riunione consiliare. Non è l’unica novità di questa convocazione, dal momento che il consiglio comunale si terrà nelle sale di Palazzo Benedetti-Panici, un edificio di pregio storico in stile liberty, riaperto da pochi giorni dopo essere stato sottoposto ad un lungo intervento di restauro e riqualificazione, durato circa un quinquennio. Andando all’ordine del giorno della seduta, ben cinque saranno i punti sottoposti all’assemblea. Si comincerà con alcune comunicazioni da parte del sindaco Ernesto Gerardi, ormai in carica da quasi un anno, quindi si passerà all’approvazione dei verbali della seduta precedente. Un passaggio di routine che, però, in varie occasioni, è stato motivo di pesanti attacchi da parte della minoranza guidata dall’ex sindaco Antonio Como per lamentate inesattezze nella stesura. Con il terzo argomento inserito in scaletta si entrerà nel vivo di questa convocazione, perché i consiglieri di maggioranza e di opposizione saranno chiamati a discutere e quindi mettere ai voti il rendiconto di gestione dell’anno 2023. Un bilancio che, temporalmente, per metà appartiene alle scelte politiche della vecchia amministrazione Como e per la seconda metà a quella del sindaco Gerardi. Subito dopo si passerà all’approvazione del Piano economico finanziario della Tari, la tassa comunale sui rifiuti, relativo all’anno 2024. Passaggio necessario per poi approvare le tariffe che saranno applicate alle utenze, domestiche e non, per l’anno in corso. Un punto delicato visto che già lo scorso anno ci furono dei ritocchi in rialzo da parte della neo maggioranza, criticati dall’opposizione che cercò anche di suggerire alcune strategie per abbassare l’imposizione almeno sulle categorie più gravate.

Informazioni su Lara Celletti 1162 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*