TAGLIO DELLE SIEPI A BORDO STRADA PER EVITARE PERICOLI AGLI AUTOMOBILISTI

Pesanti sanzioni a chi non rispetta detta ordinanza

Ci sarà tempo fino al prossimo 15 giugno per la pulizia dei terreni in corrispondenza di strade comunali e vicinali. Lo stabilisce l’ordinanza del sindaco Ernesto Gerardi lo scorso 14 maggio emessa proprio per evitare problemi alla viabilità oltre che per l’igiene pubblica ed il rischio incendi. A ridosso della scadenza, ancora diversi sono gli sfalci da effettuare. C’è anche chi, pur avendo tagliato il fieno nei campi, ha finora lasciato incolti i confini con strade pubbliche. Lo stesso sindaco raccomanda di effettuare le operazioni di pulizia entro i termini stabiliti dall’ordinanza che, sottolinea, sarà fatta rispettare comminando sanzioni agli eventuali contravventori. Le multe vanno dai 173 ai 694 euro in caso di: siepi che invadono la sede viaria ma anche i marciapiedi ed i passaggi pedonali, di rami protesi sulla sede viaria di piante poste a dimora in giardini come  in aree incolte o boscate; piante, radicate in aree incolte o boscate poste lungo il ciglio delle strade, con evidente pendenza del tronco e proiezione della chioma sulla sede viaria. Contravvenzioni dai 25 ai 500 euro sono previste,  invece, per altre fattispecie:  piante, radicate in giardini, aree incolte o aree a bosco, con seccumi, marcescenza, rami spezzati a seguito di passati eventi meteorologici avversi, e suscettibili di caduta sulla sede viaria prospiciente; piantagioni (alberi, arbusti, rampicanti) collocate in posizioni pericolose, che nascondono o limitano la visibilità di segnali stradali o interferiscono in qualsiasi modo con la corretta fruibilità e funzionalità della strada; stato di abbandono in cui versano alcune aree, all’interno del perimetro del territorio di questo Comune, per le quali non vengono eseguite le ricorrenti operazioni di pulizia dell’erba ed eventuali potature delle essenze arboree;  muri perimetrali di recinzione con la presenza di parietarie. Sarà principalmente la polizia municipale ad occuparsi del rispetto dei dispositivi previsti dall’ordinanza.   

Informazioni su Lara Celletti 1196 Articoli
La prima giornalista donna della Valle dell'Amaseno, tra le province di Frosinone e Latina, iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti (pubblicisti) Lazio - dal 1996, laureata in lettere moderne nel 1996 e scienze dell'educazione nel 2010 presso l'ateneo di Cassino, Frosinone. Insegnante di lettere presso IPSSEOA di Ceccano. Ha lavorato in giornali nazionali come Il Tempo ed Il Messaggero (redazioni di Frosinone) Ciociara oggi e l'Inchiesta di Cassino. Ha pubblicato un saggio di storia locale sul Busto di San Tommaso Veringerio, finanziato dall'amministrazione provinciale di Frosinone. Dopo l'acquisto autonomo ed il restauro a proprie spese di stabili antichi, nel centro storico di Amaseno, ha creato locazioni idonee per tutte le possibilità economiche a pochi passi dalla collegiata gotica di Santa Maria in Amaseno in provincia di Frosinone. Presso l'IIS Ceccano FR ha svolto per sei anni un progetto laboratorio di giornalismo e comunicazione con gli studenti. Oltre che di Amaseno News è stata direttore dei giornali: La Voce di Villa (edito è stampato dal comune di Villa Santo Stefano) InformAmaseno (edito dal comune di Amaseno) e La Voce di San Giovanni (paese in provincia di Frosinone dove attualmente risiede)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*